Mai più disastri, la road map di Luvinate

Il sindaco Alessandro Boriani illustra i prossimi interventi di messa in sicurezza nella parte più vulnerabile del paese, ma anche al Campo dei Fiori. Priorità, fermare i detriti a monte. Previsto un nuovo sistema di alert per la Protezione Civile

E’ il 25 Settembre 2020 quando Luvinate viene nuovamente invasa da acqua fango e detriti. E’ già successo, ma questa volta il dramma sfocia in tragedia, perché un uomo di 61 anni viene sorpreso dall’alluvione e ritrovato senza vita nel Tinella (per rivedere il reportage di quei giorni, clicca qui).

Ed è proprio sul corso del torrente che si concentra l’ultima novità relativa al travagliato percorso di messa in sicurezza: grazie ai 20 mila euro riconosciuti dal ministero il Comune potrà avviare la progettazione del nuovo tratto, con il rifacimento del ponte di via San Vito. L’avvio del cantiere, che vedrà la stretta sinergia con Regione Lombardia costerà circa 600 mila euro.

Ma – sottolinea il sindaco Alessandro Boriani – è solo un singolo tassello di un mosaico ben più costoso e complesso.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.