Le parole chiare della cultura bustocca

Per il quinto anno consecutivo a Busto Arsizio le associazioni cittadine si sono riunite per gli Stati generali della cultura, all’insegna di continuità, elevazione e promozione

Continuità, elevazione e promozione: sono le tre parole chiave dell’edizione 2021 degli Stati generali della cultura, scandite dall’assessore alla partita, nonché vicesindaco, Manuela Maffioli, che al Museo del Tessile di Busto Arsizio ha chiamato a raccolta per il quinto anno consecutivo le numerose associazioni attive sul territorio, suddivise per attività e Rappresentate dai referenti di sei diversi tavoli: Claudio Argentiero per l’immagine, Francesca Boragno per la letteratura, Andrea Cavalli per l’arte, Ottavia Conti Caccia per i teatri, Augusta Grilli per l’identità e Davide Bontempo per la musica. Realtà che rappresentano una cura per l’anima non soltanto in tempi di pandemia e che pure in questi momenti difficili hanno dimostrato non soltanto di saper parlare sopravvivere, ma anche fare vivere la città.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.