Varese e le radici da riscoprire

Passato, presente e futuro: dalla vita contadina alla piccola e media impresa. Un arricchimento costato tanto. Forse troppo.

“Quando Varese era povera, era ricca. Poi è diventata ricca. E quindi povera”. Frase ironica di Philippe Daverio, grande critico d’arte e varesino di nascita, che riassume così il senso della modernizzazione e del prezzo che impone alla Storia. Ne sa qualcosa il nostro territorio che, come spiega il libro sugli antichi insediamenti gallici presentato da Andrea Mascetti, ha sacrificato una fetta della propria bellezza sull’altare del progresso.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.