“Bus pronti, ma chi controlla?”

Autolinee Varesine conferma la messa a punto di nuovi orari sulle linee extraurbane. A breve, verranno aggiornate le tabelle. Ma a chi spetterà la verifica dei numeri?

La flotta è pronta. Il rientro a scuola, in programma domattina, consoliderà quella ripartenza che in tanti auspicano, ma confermerà la profonda differenza tra le abitudini che ci hanno accompagnato per decenni e le nuove regole imposte dall’emergenza e dal tumore di nuove ondate di Covid.

Autolinee Varesine annuncia di aver messo a punto i propri mezzi e i relativi orari, che sulle linee urbane non prevedono grandi sconvolgimenti, ma che su quelle extraurbane comportano qualche modifica, dettata dalle nuove esigenze.

Gli ingressi scaglionati consentiranno di non sovraccaricare i pullman, fermo restando il tetto massimo di passeggeri, fissato all’80%.

Qualche dubbio sulla responsabilità dei controlli, aspetto su cui la stessa società di trasporto non ha ricevuto alcune indicazione precisa.

Proprio per questo, Autolinee fa appello, prima di tutto, al buon senso del pubblico, invitando ciascuno a indossare la mascherina e a non sovraffollare i bus.

Quella in partenza domani sarà comunque una fase sperimentale, perché solo il tempo potrà dire se le regole di ripartenza scolastico, così come decise dai dirigenti, vadano nella giusta direzione o, al contrario, debbano essere ripensate.

Infine, un’avvertenza tecnica: molte delle tabelle esposte alle fermate dei bus non sono state aggiornate coi nuovi orari. Meglio, pertanto, consultare il sito del Consorzio Traporti Pubblici Insubria (www.ctpi.it).

 

 

 

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.