Busto Arsizio,16 casi di legionella. Un morto

Le autorità sanitarie territoriali (Ats e Asst) si sono attivate e stanno effettuando i dovuti prelievi e la campionatura delle acque. Monti: "Situazione sotto controllo"

Nelle ultime ore sono stati accertati 16 casi di legionella a  Busto Arsizio, una delle persone coinvolte è deceduta.

A darne comunicazione, in serata, è stato l’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera.

Le autorità sanitarie territoriali (Ats e Asst) si sono attivate  e  hanno realizzato i prelievi e la campionatura delle acque nelle abitazioni di residenza, e il controllo degli impianti idrici (acquedotto) e delle torri di raffreddamento. Le analisi di laboratorio sono in corso.

L’area bustese interessata ai casi è quella di Madonna Regina e, come spiega in una nota il sindaco Emanuele Antonelli, le persone coinvolte sono 11 uomini e 4 donne di età compresa tra 56 e 92 anni.

In via precauzionale è stata eseguita una iperclorazione dell’acqua. Sono in corso ulteriori accertamenti igienici e sanitari previsti dai protocolli di sicurezza.

In serata, le parole rassicuranti di Emanuele Monti, presidente della commissione sanità: “La situazione è sotto controllo. Il decesso della persona non è attribuibile con certezza alla legionella, vista l’età avanzata e le diverse patologie di cui l’anziano, purtroppo, già soffriva”.

 

 

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.