Dalla stazione all’ospedale unico, Gallarate pensa in grande

L'amministrazione comunale presenta la seconda variante al Piano di Governo del Territorio

Gallarate verso il futuro. Alla presenza di architetti, ingegneri, geologi,studenti, ma anche tanti cittadini, l’amministrazione comunale ha presentato la seconda variante al Piano di Governo del Territorio, che – dopo il passaggio in commissione e in consiglio – dovrebbe essere adottata ai primi di marzo.

 

Tra i fiori all’occhiello del documento, la semplificazione normativa – la riforma delle regole sui centri storici, ferme agli Anni Ottanta e che troppe volte hanno limitato gli interventi di riqualificazione e di espansione – ancora, la rigenerazione urbana, dunque la valorizzazione dell’esistente, con politiche e incentivi mirati – e poi l’edilizia convenzionata e lo sviluppo dell’area industriale, in via dell’Unione Europea, senza dimenticare l’espansione che potrà essere favorita dal nuovo ospedale unico di Busto e Gallarate e dallo sviluppo dell’aeroporto di Malpensa.

 

Una Gallarate che mira a diventare più grande, più attrattiva, più ricca. Tra i primi progetti in cantiere, quello della riqualificazione dell’area stazione, che potrebbe partire già subito dopo l’estate e che sarà seguito da altri interventi. Il lavoro che abbiamo svolto, conclude Petrone, sta già ottenendo consensi. A dimostrarlo i tanti privati che con interesse e curiosità si stanno recando nei nostri uffici.

 

 

 

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.