Jobs Act, il nodo del “rimansionamento”

Il giudice Fumagalli e le nuve regole sugli "incarichi alternativi" dei lavoratori a rischio

Ferma restando la buona volontà della riforma del lavoro (il cosiddetto Jobs Act), finalizzata a rilanciare l’occupazione, è evidente che qualche effetto collaterale è logico da prevedere. Qualunque esso sia, è facile che finisca sul tavolo di elena Fumagalli, giudice del lavoro del tribunale di Busto Arsizio. Per lei, il nodo più critico è quello relativo ai rimansionamenti. Della serie, il dipendente a rischio potrà salvare il posto di lavoro, ma sarà costretto ad altro incarico.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.