fbpx

Medici dell’Insubria, la carica dei 600

Si è svolto questa mattina a Varese il test di ingresso per Medicina e Odontoiatria. 586 i candidati

L’università Insubria punta sulla qualità. Si è svolto questa mattina a Varese il test di ingresso per Medicina e Odontoiatria. 586 i candidati per 150 posti a Medicina e chirurgia e 20 a Odontoiatria. La maggior parte delle aspiranti matricole provengono dalle provincie di Varese e Milano, Un’ottantina i candidati provenienti dal Sud Italia, in particolare da Sicilia e Campania, e alcuni dall’Africa, dalla Francia e dal Sud America.

Nella maggior parte dei casi sono studenti del 2000 che hanno finito da poco le scuole superiori, ma si segnalano anche “over 30 e 40” e un 57enne. I candidati sono stati divisi in dodici aule, di cui una riservata a studenti Dsa o con altri bisogni speciali. Il test, composto da 60 quesiti, è durato cento minuti.

A fare più paura, le domande di cultura generale.

Siamo un piccolo ateneo – afferma il rettore Angelo Tagliabue. Puntiamo sulla qualità e non sulla quantità. Per tale ragione,  abbiamo siglato una convenzione con l’Asst Lariana e una analoga è in progetto con l’Asst Valle Olona. Obiettivo: dare ai nostri studenti la possibilità di fare esperienze sul campo, perché la medicina è soprattutto pratica. E questo è un fattore fondamentale per il successo nel futuro lavorativo.

Della stessa opinione Marco Cavallotti, nuovo direttore generale dell’ateneo: I numeri ci danno ragione – dice – i nostri laureati in generale trovano lavoro più facilmente.

Il rettore traccia anche un bilancio del primo mese di gestione del pronto soccorso di Varese, assegnato proprio all’università dall’Asst Sette Laghi.

 

 

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.