Negozi in panchina: «Senza volley non si vende»

Momento difficile per le attività legate al mondo dello sport. Aperte, senza ristorni e senza clienti

Pallavolo chiusa e negozio aperto, ma di clienti neanche l’ombra. Al tempo del Covid succede anche questo. Il volley è sospeso dalla serie B in giù, non si può giocare né tantomeno allenarsi almeno fino all’anno nuovo, ma le attività di abbigliamento tecnico e specializzato possono rimanere aperte, ovviamente, senza ristori. Sulla carta tutto bene, ma campi vuoti significa anche negozi deserti come quello di Stefano Tamborini, proprietario di Hobby&Volley di Busto Arsizio che non vende ginocchiere e palloni ormai da qualche settimana.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.