fbpx

Sinti, lo sgombero. Atto Secondo

Forze dell'ordine al Campo di via Aleardi a Gallarate

Sgombero, si ricomincia. Sono iniziate alle nove di questa mattina le prime operazioni di sgombero dell’area di Via Aleardi di Gallarate, occupata da una decina di famiglie Sinti circa un mese fa. Sul posto, Polizia, Polizia Locale e Carabinieri, coordinati dal dirigente del commissariato della città, Luigi Marsico.

 

I Sinti, una cinquantina in tutto, già sgomberati dal campo di via Lazzaretto a dicembre, non hanno nessuna intenzione di collaborare e chiedono di poter parlare con il Prefetto. Non sappiamo dove andare, siamo in mezzo a una strada. Cinque famiglie sono in attesa da mesi di un alloggio pubblico di emergenza, concesso dal comune, ma non ancora consegnato”….

 

L’area di via Aleardi è di proprietà della Curia di Milano ed è stata data in affitto ad un agricoltore che, così come la Chiesa, ha denunciato i Sinti per occupazione abusiva del suolo.  Le trattative sono andate avanti tutta la mattina e hanno visto protagonista anche l’avvocato Pietro Romano, difensore dei Sinti. “Ho proposto di concedere l’uso di un’area attrezzata per qualche mese, fino a quando le famiglie rimaste non potranno partecipare al nuovo bando per le case popolari, ma la mia idea non è stata ascoltata” – dice.

 

Le forze dell’ordine hanno lasciato via Aleardi in tarda mattinata, ma è possibile che lo sgombero forzato avvenga già nelle prossime ore.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.