Tribunale di Famiglia: priorità, proteggere i figli

Taglio del nastro, in Tribunale, per lo sportello cui potranno rivolgersi coppie in fase di (turbolenta) separazione. Si tratta di un servizio che schiera una pattuglia di mediatori opportunamente formati, con l'obiettivo di rendere il distacco più sereno e, indipendentemente dal procedimento giudiziario, meno litigioso

Lo spazio è accogliente, anzi, avvolgente. Rimesso a nuovo, abbellito da fiori profumati quanto simbolici.

Da oggi la Mediazione Familiare trova ufficialmente casa al piano terra del Tribunale di Varese. 

Vi si potranno rivolgere coppie in fase di divorzio o separazione (turbolenta), in maniera del tutto autonoma e svincolata dal procedimento giudiziario e con una finalità ben chiara: rendere meno traumatico possibile il passaggio in essere, nell’interesse dei coniugi e, soprattutto, dei figli.

Ne parliamo con il Presidente del Tribunale Cesare Tacconi, con la numero uno dell’Ordine degli Avvocati Elisabetta Brusa, con il Segretario dell’Organismo di Conciliazione Forense Cesare Bulgheroni e con l’assessore alle Politiche Sociali del comune di Varese, Roberto Molinari.  

Al servizio avevamo già dedicato un ampio speciale di approfondimento. Per rivederlo, clicca qui.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.