Vaccino ai funzionari europei, ATS scrive al JRC

In una lettera ai vertici del Centro di Ispra, il direttore generale Gutierrez indica la soluzione dall'impasse che rischiava di escludere dalla campagna anticovid attuali ed ex dipendenti della Commissione. Da domani al 5 Marzo sarà possibile contattare telefonicamente i centralini dell'Agenzia o inviare una mail

Gli ex funzionari e familiari associati alla cassa malattia del JRC di Ispra non in possesso della copertura da parte del SSR possono manifestare la propria adesione alla vaccinazione telefonando al n. 0332/277559 dalle ore 10.00 alle ore 12.00 dal 22 Febbraio al 5 Marzo 2021. E’ possibile aderire anche inviando comunicazione a mezzo posta elettronica all’indirizzo algisim@ats-insubria.it”.

Quattro semplici righe che fanno la differenza. A firmarle è Lucas Maria Gutierrez, Direttore Generale di ATS Insubria, che si rivolge al vertice del JRC di Ispra e, indirettamente, alla platea di pensionati della Commissione Europea e ai consorti titolari di pensioni di reversibilità, coperti da Cassa Malattie della UE ma esclusi dal Servizio Sanitario Nazionale e quindi sprovvisti di Carta Regionale Servizi.

La comunicazione è finalizzata a colmare un vuoto normativo denunciato nei giorni scorsi da un editoriale di Rete55 (per riascoltarlo, clicca qui) che rischiava di escludere dalla campagna vaccinale un buon numero di anziani.

Grazie alla lettera del dottor Gutierrez, a partire da domani gli interessati potranno telefonare o inviare una mail per prenotare l’iniezione. Nella missiva si precisa che, per quanto riguarda questa prima fase, destinata agli ultraottantenni, l’ordine di vaccinazione non seguirà quello delle prenotazioni, bensì quello anagrafico, cominciando dai più attempati e proseguendo a passo di gambero. Gli ultimi saranno i nati del 1941.

 

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.