Via Selene lotta ancora: tra piste e “imbuti”

Residenti e Comitato tornano a far sentire la propria voce, per chiedere delucidazioni sul destino della bretella (che, da progetto, pare interrompersi in corrispondenza di una deleteria strozzatura), ma anche su pista ciclabile e collegamento con Piana di Luco

Via Selene, atto secondo.

Residenti e Comitato, sbocciati intorno al piano Esselunga alle porte di Varese, tornano a farsi sentire. Per le sorgenti del Selvagna, per la palude Stoppada, per chi abita in zona.

Ma anche, più in generale, per ragioni di buon senso.

Sì, perché se è vero che il centro commerciale ha nel frattempo aperto i battenti e preso piede, è altrettanto vero che i lavori proseguono, gli espropri sono ormai imminenti e la  bretella destinata a “bypassare” il sottopasso tra Varese e Schianno appare tutto fuorché risolutiva.

Gli attivisti (Rete55 ha incontrato, tra gli altri, Rossella Bernasconi, Alessandro Goitan, Massimo Vanzulli e Monica Daneluzzo) temono infatti che il tratto, così come concepito, risulti inadeguato ad assorbire il traffico in entrata e in uscita, a cominciare da quello, assai pesante, proveniente dalla zona industriale, che da una parte troverà una rotonda, ancora in fase di realizzazione e, dall’altra, un “imbuto”.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.