Abusava del figlio, arrestato in flagranza

Dalla cronaca, un fatto di atroce gravità. Un padre di 45 anni violentava il proprio ragazzino di 14, approfittando dell'assenza di mogie e figlia. Le indagini, innescate da una compagna di scuola e da un insegnante, hanno visto in campo la polizia

  La Polizia di Varese coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Varese ha arrestato un uomo di 45 anni, residente in provincia di Varese, nella flagranza del reato di violenza sessuale pluriaggravata commessa nei confronti del figlio quattordicenne.
Secondo quanto accertato in fase di indagine, l’uomo abusava sessualmente del figlio da quando il minore aveva dodici anni, approfittando dei momenti in cui in casa non c’erano né la moglie né la figlia.
La vittima, dopo due anni di violenze, ha trovato il coraggio di confidarsi con una compagna di classe alla quale ha riferito quanto era costretto a subire. La ragazza, comprendendo la gravità dei fatti appresi, ha convinto l’amico della necessità di riferire quello che stava succedendo ad un loro docente il quale si è subito rivolto all’Autorità Giudiziaria, in accordo col dirigente scolastico.
La Squadra Mobile ha quindi intrapreso una pressante attività di indagine che ha portato, dopo pochissimi giorni, ad arrestare l’uomo nella flagranza del reato.
Successivamente all’arresto del padre, raccontano gli inquirenti, il quattordicenne è apparso visibilmente sollevato e ha ringraziato ripetutamente il personale di Polizia, anche attraverso un abbraccio liberatorio agli Agenti operanti, per per averlo fatto uscire da un incubo.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.