Amianto, sequestrata un’area di Lonate Pozzolo

I 16 mila metri quadrati cui la Guardia di Finanza ha apposto i sigilli comprendono un capannone industriale dismesso e un grande terreno

16.000 metri quadrati, un capannone dismesso e una grande area recintata. E’ quanto sequestrato stamani dalla Guardia di Finanza a Lonate Pozzolo.

Sul posto, le Fiamme Gialle di Busto Arsizio e Venegono Superiore, insieme ai colleghi del Reparto Aeronavale di Como, che hanno messo a disposizione un elicottero.

Ed è proprio grazie alle ispezioni effettuate sorvolando l’area che i finanzieri hanno potuto avere contezza di una situazione particolarmente pericolosa per la salute pubblica e per l’ambiente. La fatiscente copertura in cemento-amianto, infatti, era crollata al suolo, sbriciolandosi e disseminando ovunque le sue rischiose particelle.

Il legale rappresentante della proprietà, un uomo di 43 anni residente in provincia di Novara, è stato denunciato: dovrà rispondere di attività di gestione rifiuti non autorizzata.

In azione, accanto alla GDF, i tecnici dell’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente, che stanno compiendo i rilievi del caso, per stabilire il livello di contaminazione e di effettiva pericolosità.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.