Controlli e autodichiarazioni: 8 denunce nel luinese

Un uomo ha mentito sui motivi dello spostamento, un altro ha tentato di vendere merce per strada. In campo, i Carabinieri della Compagnia di Luino

Si intensificano ovunque i controlli sulle strade del varesotto al fine di verificare la fondatezza delle autodichiarazioni in possesso delle persone che, in questi giorni di ordinanze restrittive, circolano per vari motivi. Nel nord della provincia, i Carabinieri della Compagnia di Luino hanno effettuato circa 150 accertamenti nel giro di poche ore, rifilando 8 denunce ad altrettanti soggetti.

Tra di essi, un uomo che, fermato a Marchirolo, ha prima dichiarato di essere di ritorno dalla Svizzera e, subito dopo, ha cambiato versione, affermando di essere in giro per la spesa. Oltre alla violazione dell’articolo 650 c.p. è stato quindi denunciato per false dichiarazioni a pubblico ufficiale.

Un secondo episodio, a Cuvio, ha visto invece denunciato un venditore ambulante che aveva allestito la propria bancarella sulla pubblica via.

Numerose anche le verifiche negli esercizi commerciali della zona, autorizzati a restare aperti purché rispettino norme di precauzione e distanze di sicurezza.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.