Spese gonfiate, un dipendente pubblico denunciato

Nei guai un funzionario dell'Autorità di Bacino dei Laghi Maggiore, Comabbio, Monate e Varese. Al lavoro la Guardia di Finanza di Luino.

Falsifica i buoni relativi al prelievi di cassa destinati alle spese postali, intascando più di 70.000 euro. Nei guai un funzionario dell’Autorità di Bacino dei Laghi Maggiore, Comabbio, Monate e Varese. Le indagini, svolte dalla Guardia di Finanza di Luino,  sono partite a seguito di una denuncia presentata dallo stesso ente a fronte di alcune presunte irregolarità rilevate durante un controllo interno. I finanzieri, hanno esaminato le movimentazioni della cassa, rilevando, un cospicuo aumento delle spese relative alla posta prioritaria, seppur ormai fosse in uso la  posta elettronica certificata (PEC).

Le indagini finanziarie sui conti correnti bancari riconducibili all’indagato hanno permesso di individuare somme di denaro sospette che, su disposizione del G.I.P. del Tribunale di Varese, sono state immediatamente sottoposte a sequestro preventivo per un importo pari a quello sottratto. Il dipendente dovrà ora difendersi dalle accuse di peculato e falso.

 

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.