Droga nella mascherina: lo spaccio al tempo del Covid

Denunciato un uomo di 26 anni trovato a Varese dalla Polizia con diverse dose di hascish occultate in una seconda tasca del suo dispositivo di protezione individuale

Nasconde la droga nella mascherina, denunciato un marocchino di 26 anni.
E’ accaduto nel pomeriggio di ieri nel supermercato di Piazzale Trento, dove l’uomo è stato sorpreso mentre rubava della merce dagli scaffali. Giunta sul posto, la Polizia ha subito notato il rigonfiamento della mascherina anticovid indossata dal malvivente. Invitato a toglierla per poter verificare quella strana sporgenza, l’uomo si è rifiutato dicendo di aver paura del contagio. Ma quando gli Agenti gli hanno chiesto di sostituirla con una chirurgica da loro fornita, l’uomo non ha avuto più scampo: la Polizia ha scoperto all’interno della mascherina di stoffa nera un secondo strato che fungeva da tasca, dove erano occultate diverse dosi di
hascish pronte per essere spacciate.
Un’attenta perquisizione ha permesso anche di rinvenire una piccola somma in denaro contante, suddivisa in banconote di piccolo taglio (probabile provento dell’attività illecita fino a quel momento compiuta).

 

La mascherina artigianale, la sostanza stupefacente ed il denaro sono stati sottoposti a
sequestro penale.

 

Il marocchino è risultato anche inottemperante ad un precedente provvedimento
espulsivo del Questore di Varese ed è stato quindi denunciato, oltre che per i reati di furto aggravato
e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, anche per la violazione della normativa
sugli stranieri.
La voglia di mazzancolle e di insalata al ventiseienne marocchino è costata una denuncia per tre
diversi reati all’Autorità Giudiziaria.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.