Lidia Macchi, svolta a 30 anni dal delitto

Arrestato un uomo, di mezza età, ex compagno di scuola della giovane uccisa

A quasi 30 anni dall’assassinio di Lidia Macchi, studentessa varesina massacrata a coltellate nel Gennaio 1987, la polizia di Varese ha arrestato un uomo, Stefano Binda, accusato di essere l’autore del delitto. Gli inquirenti lo ritengono anche artefice della lettera anonima spedita ai genitori di Lidia nei giorni successivi all’omocidio. Ripercorriamo le tappe della dolorosa e intricata vicenda.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.