Porto Valtravaglia: fiumi di veleno, accusata una ditta

I Carabinieri Forestali accusano una ditta dell'alto varesotto dello sversamento di sostanze inquinanti nel torrente Roné

172.000 kg di acidi, 2.555.975 kg di fanghi e residui di filtrazione.

E’ ciò che una ditta dell’alto varesotto, specializzata nella produzione di contenitori destinati all’industria cosmetica, è accusata di aver riversato nel torrente Roné di Porto Valtravaglia.

Il Nucleo Forestale dei Carabinieri ha concluso le indagini avviate nel Gennaio 2021.

Il reato ipotizzato è inquinamento ambientale.

 

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.