Presa la banda dei Bancomat, 3 in manette

L’indagine, denominata “Marmotta”, è stata avviata a seguito di tre esplosioni – avvenute nell’inverno del 2017 – ai danni di altrettanti sportelli bancomat di istituti di credito dei comuni di Somma Lombardo e Mornago, dai quali i malviventi avevano sottratto complessivamente oltre 50.000 euro

Facevano esplodere i bancomat, arrestate tre persone dai carabinieri di Gallarate. Sono accusate di furto aggravato e ricettazione.

L’indagine, denominata “Marmotta”, è stata avviata a seguito di tre esplosioni – avvenute nell’inverno del 2017 – ai danni di altrettanti sportelli bancomat di istituti di credito dei comuni di Somma Lombardo e Mornago, dai quali i malviventi avevano sottratto complessivamente oltre 50.000 euro.

I tre malviventi, tutti originari del foggiano, agivano nella notte e utilizzavano un ordigno artigianale, chiamati appunto “marmotta, per sventrare i bancomat e rubare il denaro.

Per i  tre, tutti disoccupati, due di 29 anni ed uno di 30 anni, due dei quali già noti alle forze dell’ordine perché gravati da precedenti specifici in materia di furti e droga, sono dunque scattate le manette. Gli arrestati sono stati condotti alle Case Circondariale di Foggia e Pesaro.

Determinante per la riuscita dell’indagine il contributo del RIS di Parma: una volta individuata e rintracciata l’auto usata dai malviventi, una Volkswagen Golf impiegata dai malviventi, la macchina è stata sottoposta ad accertamenti tecnici, che hanno confermato la presenza di tracce di esplosivo nell’abitacolo e sulla carrozzeria.

 

 

 

 

 

 

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.