Quattrocento firme per dire “NO!” alla casa della solidarietà

Più che casa della solidarietà dovrebbe essere chiamata casa della discorsia. I residenti non vogliono la struttura al quartiere Aquilone.

All’incontro con i proprietari hanno partecipato circa 300 persone, che hanno espresso le loro perplessità. Tra i servizi ipotizzati nella struttura la nuova sede della Croce Rossa. I residenti chiedono il controllo della Polizia locale.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.