Violenza sessuale, due arresti

Carabinieri in azione a Gallarate e Sesto Calende. In manette, due giovani di 19 e 22 anni

Aggredita e palpeggiata da un ragazzo di 22 anni, figlio di una sua concittadina, chiama i Carabinieri. Si tratta di una donna di 40 anni, sudamericana. I militari hanno trovato la signora chiusa fuori di casa, a Gallarate. Era riuscita a scappare, approfittando del fatto che il suo aggressore, in evidente stato di ebrezza, era andato in bagno. La donna ha raccontato alle forze dell’ordine di essere stata bloccata con la forza e palpeggiata sul divano di casa, e di essere riuscita poi a divincolarsi e a scappare via, chiudendo il ragazzo in casa a chiave. Ricostruita in brevissimo tempo la vicenda, i Carabinieri  sono quindi entrati nell’appartamento ed hanno fermato il giovane che ha subito opposto viva resistenza, colpendo i  militari con calci e pugni. Il malvivente, una volta immobilizzato, è stato arrestato per violenza sessuale e per resistenza a pubblico ufficiale.

 

E sempre di violenza si sono occupati i Carabinieri di Sesto Calende. Un italiano di 19 anni residente nel gallaratese, con la scusa di chiedere una sigaretta, si è avvicinato, in pieno centro del paese, ad una minorenne e ha provato a palpeggiarla, rivolgendole frasi offensive. La ragazza, per fortuna, è riuscita a fuggire e a chiamare il 112. Il malintenzionato, non essendo più in grado di raggiungerla, si è dileguato in una zona boschiva. Ma qualche minuto dopo, i Carabinieri sono stati nuovamente allertati dalla Centrale perché, nel sottopasso della Stazione ferroviaria, si era appena verificato un nuovo episodio di violenza sessuale nei confronti di una donna di 30 anni. Quest’ultima, immediatamente raggiunta dalla pattuglia, ha raccontato ai Carabinieri che, mentre si stava recando a prendere il treno, era stata afferrata con violenza da dietro al collo da un uomo che l’aveva ripetutamente palpeggiata; per fortuna la donna è riuscita a divincolarsi dalla presa e a mettere in fuga il pericoloso individuo. La vittima ha fornito dettagli sull’abbigliamento dell’uomo e la targa dell’autovettura a bordo della quale era fuggito. Appurato che l’autore di entrambe le aggressioni corrispondeva, sono quindi partite le ricerche del malvivente che, dopo pochissimi minuti, è stato rintracciato in paese ed arrestato in flagranza per il reato di violenza sessuale. Alla vista dei Carabinieri il ragazzo ha subito ammesso le proprie colpe.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.