Bonus 110, imprese in bilico: “Subito lo sblocco”

Il presidente Giovani di ANCE Varese, Davide Zaccone, lancia un accorato appello affinché le banche aprano i cassetti e saldino i crediti di centinaia di imprese, reduci da lavori già svolti ma mai pagati

A noi servono i soldi, non i crediti”. Più chiaro di così, Davide Zaccone, non potrebbe essere.

Da presidente del Gruppo Giovani di ANCE Varese tasta quotidianamente il polso dei colleghi alle prese col Bonus 110% e coi crediti che attendono con ansia di riscuotere, anche perché riguardano lavori già fatti e quindi, denari già ampiamente anticipati.

Insomma, quello che sulla carta prometteva benissimo e che in effetti ha mobilitato miliardi e generato più di 400 mila posti di lavoro in tutta Italia, rischia di tradursi in una trappola per tanti imprenditori pericolosamente esposti e oggi a un passo dal baratro, anche perché chi sperava che la conversione in legge del Decreto Aiuti fornisse risposte rapide e risolutive, è rimasto deluso.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.