I ristoranti si riempiono, ma manca il personale

Da un lato la richiesta sempre crescente da parte della clientela, desiderosa di tornare alla normalità; dall'altro la difficoltà nel reperire personale di sala e di cucina, che sta mettendo in crisi tutto il settore. Un paradosso, come ci racconta il ristoratore Fabio Fagnani

Un paradosso. Se da un lato la pandemia ha causato una pesante crisi economica con la conseguente chiusura di molte attività, dall’altro lato i ristoratori non riescono a trovare personale, né per la cucina, né per la sala.

Una vera e propria contraddizione che attraversa tutto lo stivale, e che tocca da vicino anche Gallarate, dove numerosi titolari di locali sono alla ricerca (ormai da mesi) di nuove leve da inserire nello staff.

“Molti ragazzi sono spaventati dai ritmi frenetici che questo lavoro comporta” – spiega Fabio Fagnani, titolare di un noto ristorante, in via Mazzini.

“Per non parlare dell’effetto Social”, prosegue Fagnani. “Molti ragazzi, abbindolati dalle immagini postate su Instagram da influencer e food blogger, pensano che basti fotografare i propri piatti per raggiungere il successo. La realtà – però – è ben diversa. Ed è fatta di sacrifici”.

A dare qualche speranza è l’istituto alberghiero Falcone.
“Molti dei nostri ragazzi hanno voglia di lavorare e – post pandemia – hanno dimostrato di voler rimboccarci le maniche” – dice il professor Giuseppe Mantica.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.