La Svizzera e gli appalti “anti italiani”

Imprese italiane escluse dal 90% dei lavori pubblici in Canton Ticino.

Confartigianato stenta a crederci, sia per motivi di merito che di metodo. La decisione del Gran Consiglio del Canton Ticino di modificare la legge sulle commesse pubbliche, precludendo alle imprese edili italiane il 90% delle gare d’appalto, piomba come una doccia gelida sul tessuto economico del varesotto. “La scelta elvetica – attacca Davide Galli – rischia di pesare in termini di qualità. E dimostra quanto i ripetuti incontri politici di questi mesi siano serviti a poco”.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.