Le imprese nel dopo Covid: sane e reattive

Istat ha presentato ufficialmente il nuovo rapporto sulla competitività dei settori produttivi all'Università Liuc di Castellanza. "Il tessuto economico italian è sano", dice il direttore generale Istat Michele Camisasca

Cresce il reddito disponibile delle famiglie, che nel quarto trimestre del 2021 ha segnato un +1,3 percento rispetto ai tre mesi precedenti, con conseguente aumento dei consumi. Incremento che ha riattivato la macchina dell’economia, dando una boccata d’ossigeno alle imprese, messe in ginocchio dalla pandemia, che hanno dimostrato di sapersi rialzare e di saper lavorare bene, nonostante le tante difficoltà.

Istat ha presentato ufficialmente il nuovo rapporto sulla competitività dei settori produttivi all’Università Liuc di Castellanza. Il documento, che fa riferimento all’anno 2021,  non analizza certo le recenti conseguenze della crisi energetica e della guerra Russa – Ucraina, ma dimostra come il tessuto economico italiano sia capace di resistere agli attacchi esterni. “Le imprese, seppur piegate dalle conseguenze della pandemia, hanno saputo rialzarsi e tornare competitive”, dice il direttore generale di Istat MICHELE CAMISASCA.

 

.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.