Cerca
Close this search box.

Varese: Grassi invoca taglio del cuneo e boccia 5.0

Il Presidente di Confindustria Varese Roberto Grassi chiede taglio del cuneo fiscale e dice no a Industria 5.0

Confindustria Varese avvia la sua Assemblea Generale 2024 con la relazione del Presidente Roberto Grassi.
A due passi dal lago, ospite di MV Agusta Motor, il numero uno degli industriali ha snocciolato le priorità del momento: taglio del cuneo fiscale, attenzione alla crisi demografica (“per ogni neonato italiano, in Cina se ne contano nove”) e la virtuosa ascesa di Varese nella classifica del Progresso Sociale (il nostro territorio sale alla 22esima posizione).
Sull’energia, Grassi invoca la creazione di una Hydrogen Valley e riafferma la centralità di Malpensa.
Sul fronte della doppia transizione, digitale e sostenibile, il presidente di Confindustria boccia le Politiche Industriali 5.0, i cui decreti attuativi sono stati attesi oltre 6 mesi e che adesso le imprese al sarebbero costrette a concretizzare entro Dicembre 2025: “Tardiva e inapplicabile”.
Grande risalto al progetto “Mill”, previsto nell’area della Liuc, Università Carlo Cattaneo di Castellanza. Il centro racchiuderà le attuali sedi territoriali di Confindustria e diventerà una “Fabbrica del Fare e del Sapere”. Cabina regia, precisa il presidente, di “una Varese del prossimo futuro che immaginiamo innovativa, tecnologica, digitale, sostenibile, inclusiva, europea”.
Infine, un appello al territorio affinché stringa più solida e costante sinergia con il JRC di Ispra, polo di eccellenza della ricerca e della trasformazione digitale, nonché cinghia di trasmissione tra Sistema Paese e Sistema europeo, con Varese nel prestigioso ruolo di cerniera politica e strategica.

Disponibile su Google Play
Disponibile su Google Play