25 Aprile, il conflitto che giova solo ai partiti

Analisi di Matteo Inzaghi sull'impossibilità tutta nostrana di riconoscersi in una festa nazionale. L'esempio della Russia di Putin e delle parate stile sovietico

Comincio a chiedermi se vivrò abbastanza da assistere a un 25 Aprile normale. Non mi considero anziano, ma il dubbio sta prendendo forma, perché il conflitto che lacera quella pagina di Storia si ripresenta, ogni anno, puntuale come un orologio. Cambiano personaggi e copione, ma il film resta sempre lo stesso: divisioni, conflitti ideologici, più simili a una recita a soggetto che a un reale confronto.

Si apre così l’editoriale che Matteo Inzaghi dedica alla Festa della Liberazione. E a tutte le divisioni che, anche quest’anno, caratterizzano la giornata.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.