Glocal, il giornalismo da capire. E da (psic)analizzare

Decima edizione del Festival organizzato da Varesenews, con Ordine professionale, Associazione Stampa Online e Camera di Commercio. 30 incontri e 80 relatori dall'11 al 14 Novembre

Da 10 anni la nostra categoria, quella dei giornalisti, ha la possibilità di stendersi su un ideale lettino e raccontare di sé a un altrettanto ideale psicanalista. Non un soliloquio, bensì una terapia di gruppo, utile a cogliere le nuove traiettorie di una professione dai contorni sempre più sfumati.

Il merito è di Varesenews e del suo “editordirettore” Marco Giovannelli, che dando vita a Glocal ha collocato di fronte al pubblico e agli addetti ai lavori un enorme specchio, per riflettere il (e sul) mestiere di chi l’informazione la fa e le tendenze di chi, l’informazione, la riceve.

Ora è tempo di ripartire, con un’agenda ricca di iniziative e un lungo elenco di ospiti. Il tutto, in un fazzoletto di tempo: dall’11 al 14 Novembre. Quattro giorni decisamente intensi a giudicare dai 30 incontri e gli 80 relatori previsti nelle diverse location: sede camerale di Piazza Montegrappa, Ville Ponti, Salone Estense e sede di VareseVive.

Il programma (per vederlo nel dettaglio, clicca qui), presentato in Regione Lombardia da Giovannelli e da Alessandro Galimberti, presidente dell’Ordine dei Giornalisti (che sostiene il festival insieme all’Associazione Stampa Online, col supporto di Camera di Commercio e di tanti altri soggetti pubblici e privati), dibatterà, tra l’altro, di mercato e deontologia, giovani e freelance, social e piattaforme, newsletter e intelligenza artificiale, sostenibilità e cultura audiovisiva.

Ciò che conta è confrontarsi a voce alta e mente aperta su un mestiere fondamentale, alle prese con la rutilante trasformazione degli strumenti e del linguaggio e alla perenne ricerca di un punto di equilibrio tra forma e sostanza, esperienza e nuovo slancio, tradizione narrativa e inedite frontiere digitali. Obiettivo, tenere la barra dritta su “sacralità” della notizia, cultura del racconto, faro della deontologia e poliedricità dell’opinione.

Perché, oggi ancora più di ieri, per conferire alla professione il carattere di servizio fare il giornalista non basta. Bisogna esserlo.

 

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.