L’Onu boccia il Belpaese: “Disabili dimenticati”

Le Nazioni Unite definiscono "inadeguato" il trattamento nostrano dei portatori di handicap

Il mancato riconoscimento del linguaggio dei segni, la dura quotidianità dei non vedenti, la scarsità dei fondi stanziati, il mancato recepimento di trattati internazionali, l’assenza di un confronto paritario e costruttivo con le associazioni. Sono alcuni dei 39 punti deboli nel rapporto tra Italia e disabili. Lo dice l’Onu. E, prima ancora, la coscienza pubblica.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.