Mister Tigros e l’ingombro del Mullah

L'elettorato azzurro langue e Caianiello tenta di strappare più posti possibili, prima che le urne emettano il loro verdetto

Corsa contro il tempo per Nino Caianiello, il Mullah della politica gallaratese, spiazzato dalla candidatura di Mister Tigros e a caccia di posti da garantire ai suoi uomini in quel di Varese. Il rifiuto del Carroccio a un candidato azzurro, infatti, toglie ai forzisti un traino importante. Per non dire cruciale.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.