Mamilandia coltiva la gioia dei bambini

Con la regia di suor Maura Brusadelli e il lavoro di tanti volontari, è andata in scena anche quest'anno l'ormai collaudata esperienza estiva aperta ai più piccoli e alle loro mamme

«Senza barriere sociali, culturali, etniche, religiose, economiche… ciascuno è protagonista della gioia dell’altro». Sono questi gli ingredienti di Mamilandia, molto più di un’esperienza estiva, nata otto anni fa a Lissago per offrire un luogo di incontro, di svago e crescita ai bimbi in età prescolare ma anche alle loro mamme. «Mami» è ipocoristico di mamma ma è anche acronimo di Maria Madre Immacolata, nome della comunità pastorale costituita dieci anni fa dal cardinal Dionigi Tettamanzi e composta dalle parrocchie di Masnago, Avigno, Bobbiate, Calcinate del Pesce, Lissago, e Velate.
Da sempre in scena a Lissago, quest’anno Mamilandia ha coltivato la gioia dei bambini all’oratorio di Capolago con l’impegno di tanti volontari e la regia di suor Maura Brusadelli.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.