Migranti, a caccia di futuro

Una mostra, alcune testimonianze dirette e altre iniziative che scandiscono la settimana dell'intercultura a Cassano Magnago per capire chi è l'Altro e cosa lo spinge a migrare.

Scappare o morire, una scelta imposta a volte che obbliga a diventare un cosiddetto migrante. Come Nabil Al Lao, esule siriano, ex rettore dell’università di Damasco, in Italia da due anni, da uno abita a Gallarate, ospite all’incontro organizzato dall’Istituto comprensivo Dante di Cassano Magnago in collaborazione con il Comune in occasione dell’inaugurazione della mostra dal titolo “Migranti, la sfida dell’incontro” per la settimana dell’intercultura.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.