Aspem Reti, il nodo del Mullah

Prosegue l'indagine interna della partecipata

Si arricchisce di dettagli, numeri e dati l’indagine interna di Aspem Reti, avviata dagli attuali vertici per fare luce sui motivi che hanno spinto la gestione precedente a investire parecchi denari nella piscina della Schiranna, privilegiando un’impresa, la Essegì di Sciretta, con decine di pagamenti sempre inferiori ai 40 mila euro e per un totale di circa 360 mila euro in meno di due anni. Sullo sfondo, il Mullah Nino Caianiello, assunto per un mese da quella stessa ditta nell’Autunno 2015.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.