Bipolarismo varesino, ballottaggio Galimberti-Bianchi

Interiste del dopo voto ad alcuni protagonisti della sfida nel capoluogo. Galimberti: "Risultato storico". Bianchi: "Al ballottaggio niente di scontato". Zanzi: "Delusi dal tifo da stadio"

Varese, una città polarizzata, divisa tra centrodestra e centrosinistra ma più propensa a quest’ultimo, che stacca i principali avversari di un migliaio di voti e gioisce per un risultato che può tranquillamente prescindere dai Cinque Stelle, ininfluenti perché quasi del tutto spolpati dall’avanzata PD.

E’ questo, in sintesi, l’effetto delle amministrative sul capoluogo, con un’affluenza che fatica a superare la metà degli aventi diritto e un sindaco uscente gratificato.

Alla luce della delusione leghista, il leader Salvini rimprovera i suoi per aver individuato con eccessivo ritardo i propri candidati. Ne sa qualcosa Matteo Bianchi, che si è messo a disposizione nonostante lo scranno da deputato e che ora guarda al ballottaggio come la regina di tutte le sfide.

Nel servizio, le dichiarazioni a caldo di Davide Galimberti, Matteo Bianchi, Alessandro Alfieri, Andrea Pellicini, Raffaele Cattaneo, Francesco Tomasella, Daniele Zanzi, Caterina Cazzato.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.