Ospedale Saronno, una sfida da 50 milioni

Polemica a distanza tra il PD Astuti e il leghista Monti: il primo chiede più attenzione di Regione Lombardia verso il nosocomio, ma l'esponente di maggioranza replica: "Vivi su un altro pianeta"

Liste di attesa chilometriche e carenza di personale. Problemi comuni a molti ospedali e che purtroppo non risparmiano Saronno. Meta odierna di Samuele Astuti, consigliere regionale PD particolarmente attivo sul fronte della politica sanitaria, il presidio è da sempre al centro di un crocevia difficilmente collocabile sul piano territoriale. Un po’ varesotto e un po’ milanese, un po’ brianzolo e un po’ comasco, l’ospedale di piazzale Borella soffre e secondo l’esponente di opposizione Regione Lombardia non fa abbastanza, nemmeno sul piano strutturale.

A stretto giro, ecco la piccata replica del leghista Emanuele Monti, a capo della commissione sanità e fiero degli sforzi fatti finora: degli 11 milioni investiti nel varesotto – ricorda, 2,5 sono andati proprio all’ospedale in questione e sono stati investiti sia per l’acquisto di nuove tecnologie, sia per la ristrutturazione di Dialisi, Ostetricia, Neurologia e per la messa in sicurezza del Pronto Soccorso. Certo che molto altro si potrebbe fare, ma quella dei 50 milioni è un’utopia irrealizzabile vista la nota ristrettezza di fondi. Caro Astuti, non sei un po’ troppo cresciuto per credere alle favole?

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.