“Anziani in aumento, RSA siano protagoniste”

Nuovo incontro, nella sede varesina di Regione Lombardia, sugli effetti della riforma del sistema sociosanitario. all'ordine del giorno, le esigenze del settore e gli interventi più urgenti. Trama: "Dal 2050 un italiano su 3 avrà più di 65 anni"

Un esercito di anziani sempre più nutrito e numeroso, bisognoso di cure costanti, assistenza capillare, decentrata, al passo coi tempi.

L’esigenza, più volte ribadita da tabelle, analisi e statistiche, è stata nuovamente portata al tavolo regionale da Luca Trama, direttore generale della Provvidenza di Busto Arsizio e, da qualche settimana, presidente provinciale di UNEBA, l’associazione che rappresenta strutture e fondazioni di carattere sociosanitario:

Nel 2050 un italiano su 3 avrà più di 65 anni – ricorda – E’ evidente che la risposta non possa ridursi alle RSA presenti sui territori: servirebbero, da subito, 35 mila posti letto in più solo dalle nostre parti. In alternativa, occorre stanziare nuove risorse e investire nei servizi a domicilio“. 

All’istanza hanno subito risposto presente le autorità intervenute all’incontro organizzato da Emanuele Monti, presidente della Commissione Sanità, per illustrare agli addetti ai lavori contenuti e obiettivi della riforma regionale.

Se è vero, sottolinea dall’ATS il Direttore Generale Lucas Maria Gutierrez, che la sinergia pubblico privato non è più un’opzione, bensì un’esigenza indifferibile, è altrettanto vero che qui, sul territorio, il gioco di squadra non è mai mancato. Né mai mancherà”.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.