Banca del Plasma, svolta virtuosa. Ma servono più tamponi

La Lega esulta: "Momento decisivo nella lotta al Covid". Ma il PD incalza: "Se il numero di test non aumenta, lo strumento sarà inefficace"

Plasma e tamponi: la maggioranza esulta, l’opposizione incalza.

Lanciata ufficialmente in Lombardia la Banca del Plasma, che dovrà fare scorte di sangue donato da pazienti affetti da Covid e ora guariti. Grazie alla felice sperimentazione di policlinico di Pavia e ospedale di Mantova, il loro plasma favorirà la guarigione di molti malati.

Il presidente di Commissione, Emanuele Monti: “A breve le ASST cominceranno a contattare i “negativizzati”, affinché si facciano avanti”. Ma l’esponente PD Samuele Astuti torna a battere sul tasto dolente dei tamponi: “Per risultare efficace, la banca del plasma ha bisogno di individuare con certezza soggetti positivi e negativi. Peccato che i numeri, nelle province di Varese e di Como, siano ancora troppo bassi”

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.