Green-pass al lavoro, i nodi vengono al pettine

"Purtroppo", dice Elena Viola della Viola Trasporti di Castano Primo, "alcuni dei nostri dipendenti non hanno voluto adeguarsi a quanto richiesto dalla legge. E questo, per un’azienda di piccole dimensioni come la nostra, è un serio problema"

Green-pass al lavoro, si comincia. E’ il primo giorno di entrata in vigore dell’obbligo di certificato verde in aziende e uffici, pubblici e privati, e i nodi vengono al pettine.

“Prima di tutto”, dice Elena Viola, titolare insieme ai fratelli di una storica azienda di trasporti di Castano Primo, “abbiamo dovuto richiedere il supporto di un consulente esterno, per tutelarci e per tutelare i nostri lavoratori”.

I controlli – alla Viola Trasporti – vengono effettuati H24: “I nostri mezzi partono in orari diversi della giornata”, spiega Elena. “Purtroppo”, continua la titolare, “alcuni dei nostri dipendenti non hanno voluto adeguarsi a quanto richiesto dalla legge. E questo, per un’azienda di piccole dimensioni come la nostra, è un serio problema”. E da qui l’appello: “Siamo alla ricerca di nuovo personale. Qualificato, e ovviamente munito di green-pass”.

 

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.