Infermieri esasperati: “Tanti gettano la spugna”

Aurelio Filippini, presidente dell'Ordine professionale, snocciola i motivi che hanno spinto la categoria a picchiare i pugni sul tavolo del Governo. Mancate promesse, stipendi da fame, turni massacranti, riposi saltati: "Lombardia in testa grazie al nostro sacrificio"

Dagli applausi al silenzio, dalle promesse al nulla di fatto.

“Per noi infermieri la misura è colma e molti colleghi hanno già deciso di gettare la spugna, perché fare questo lavoro sta diventando insostenibile”.

Così Aurelio Filippini, presidente dell’Ordine professionale, che a Matteo Inzaghi elenca i motivi di un fortissimo disagio.

Stipendi troppo bassi, turni massacranti, riposi saltati e una campagna (vaccini+tamponi) che ricade quasi esclusivamente sulle spalle degli infermieri.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.