Nuova Caserma, “Lezione di buona cittadinanza”

Inaugurato la casa dei Carabinieri di Busto Arsizio, alla presenza del Comandante Generale Nistri e di numerose autorità. Testimonial, la figlia di un militare ucciso nel 1980

Inaugurata la nuova Caserma dei Carabinieri di Busto Arsizio. Un edificio ampio, luminoso, moderno, distribuito su 4 piani più uno interrato, per un totale di circa 4 mila metri quadrati.

Al taglio del nastro sono intervenute numerose autorità di rilievo locale, regionale e nazionale, a cominciare dal Generale Giovanni Nistri, comandante generale dell’Arma, che ha definito la giornata odierna una “Lezione di buona cittadinanza”.

Alla nuova sede Rete55 aveva dedicato un approfondimento alcune settimane fa, svelandone in anteprima spazi e peculiarità (per rivedere il servizio, clicca qui). Da segnalare la stanza concepita in sinergia con Soroptimist e destinata alle donne vittime di violenza, così come la sala giochi per i bambini, che potranno così trovare, anche in momenti difficili, un luogo sicuro e spensierato.

Tra i tanti partecipanti all’evento, il sindaco e presidente della Provincia Emanuele Antonelli, tra i principali artefici dell’apertura della Caserma (dopo 20 anni di attesa e iter burocratici) e il senatore Stefano Candiani, che da sottosegretario contribuì in maniera determinante alla svolta.

Testimonial della giornata, Emanuela Piantadosi, figlia di un carabiniere ucciso in servizio nel 1980.

 

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.