Riforma, magistrati in sciopero: “85% di adesione”

I vertici della sezione varesina di ANM illustrano i motivi della contestazione e invitano la cittadinanza all'incontro pubblico in programma Lunedì 23 Maggio in Sala Montanari

Toghe stese, video in loop, atmosfera ovattata e insolita per un tribunale come quello di Varese, che oggi ha vissuto nello stesso tempo uno stop e una ripartenza.

Lo stop è quello dello sciopero dei magistrati contro la Riforma Cartabia, astensione che già stamani registrava un’adesione dell’85% e che si riassume in un’affermazione: “La riforma – dicono i contestatori – non è concepita a favore della Giustizia, ma contro i magistrati”.

A ripartire, invece, è la sezione locale dell’Associazione Nazionale Magistrati (per rivedere la notizia che abbiamo dedicato alla svolta, clicca qui).

Così come concepita, incalza l’ANM, “la legge non potrà accorciare i tempi della giustizia, perché si limita a caricare sugli addetti ai lavori la responsabilità dei disservizi, sottoponendo i magistrati al pressing valutativo e svilendo il ruolo di chi indossa la toga“.

Ne parliamo coi vertici della sezione varesina, la presidente Giorgiana Manzo e il Segretario Lorenzo Dalla Palma, che invitano la cittadinanza all’incontro pubblico, organizzato insieme all’Ordine degli Avvocati e previsto in Sala Montanari, a due passi dal Palazzo di Giustizia, Lunedì 23 Maggio alle ore 20.30.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.