Tamponi, Astuti: “Molti laboratori fermi al palo”

Dati alla mano, il consigliere regionale invoca il raddoppio dei tamponi giornalieri (oggi a quota 5.500) e invita l'assessore Gallera ad autorizzare i centri privati che si sono resi disponibili. Sulle mascherine: "Bene il giro di vite, ma occhio alle speculazioni"

Servono più tamponi, più laboratori autorizzati e occhi vigili contro le mascherine vendute a peso d’oro“.

Parole di Samuele Astuti, intervistato da Matteo Inzaghi a pochi minuti dal suo ormai quotidiano appuntamento con il pubblico che lo segue via social.

Ogni giorno, dall’inizio dell’emergenza, il Consigliere Regionale PD (nonché membro della Commissione Sanità) diffonde una tabella coi dati relativi al coronavirus, al numero di vittime, ricoveri e guariti. Ieri, a quell’analisi quotidiana, si è aggiunto uno studio approfondito, elaborato con Massimo Cavallin sulla base di numeri ISTAT, relativo all’incidenza della pandemia nelle province lombarde.

A saltare all’occhio non è solo il sostanziale raddoppio di vittime registrate in Lombardia rispetto allo stesso periodo (Febbraio-Marzo) degli anni scorsi, ma anche il numero di decessi “sospetti”, cioè non esplicitamente collegabili al coronavirus a causa della carenza di tamponi.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.