Via Selene, sopralluoghi e spaccature

Tre protagonisti, tre posizioni diverse. Comune e comitati di residenti (c'erano anche gli Amici di Bozzozero) visitano il cantiere alle spalle della nuova Esselunga. Resta il nodo del collegamento, De Simone: "E' agli atti, quindi avanti tutta". Bossi: "Meglio intervenire su 200 metri di strada che devastare più di un chilometro. Vanzulli: "Strada per Schianno troppo stretta, avremo un'overdose di traffico"

Cantiere di via Selene, alle porte di Varese: quello delle infrastrutture funzionali alla nuova Esselunga nell’area ex Malerba.

Obiettivo, tracciare un bilancio del sopralluogo che questa mattina ha riunito guidato la ditta responsabile dei lavori, i comitati dei residenti e l’amministrazione comunale.

In capo, Difendiamo via Selene, Amici di Bizzozero e due assessori della giunta Galimberti (Civati e De Simone), accompagnati da tecnici e funzionari.

L’assessore all’ambiente è chiarissimo: “Ciò che è stato deciso si farà”. Ma i residenti paventano delle ricadute di traffico insostenibili, sia per ragioni viabilistiche, sia per quelle legate all’ecosistema.

Il risultato somiglia al proverbiale “dividi et impera“, visto che le preoccupazioni sull’esito finale degli interventi finiscono per mettere i comitati l’uno contro l’altro.

Qui il reportage di Matteo Inzaghi.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.