Vittime di Mafia, ricordo e rifiuto

Nella Giornata dedicata a coloro che hanno pagato con la vita il proprio no alla criminalità organizzata, Varese pianta un simbolico ulivo di fronte al Tribunale. In cabina regia, l'associazione Libera

Un ricordo commosso a chi non si è piegato, a chi ha combattuto, a chi si è sacrificato. E un rifiuto categorico verso qualunque ombra di compromesso al ribasso, di passiva accettazione, di contiguità, omertosa o interessata.

Questa l’essenza della giornata che ha reso doveroso tributo alle vittime di Mafia.

A Varese, di fronte al Tribunale, si è svolta la simbolica piantumazione di un ulivo, emblema di rinascita, memoria e impegno per la legalità si accompagna agli indelebili volti di Falcone e Borsellino. 

“Come la madelaine di Proust – ricorda la procuratrice della Repubblica, Daniela Borgonovo – ricordo per filo e per segno il momento in cui mi riferirono della strage di Capaci”.

Oltr ai vertici della Procura, sono intervenuti il sindaco Davide Galimberti, la presidente dell’associazione Libera, artefice dell’iniziativa, Antonella Buonopane e, soprattutto, i ragazzi del Liceo Scientifico di Varese, testimoni, interpreti e ambasciatori di una legalità che deve lastricare il loro futuro.

 

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.