Chiudono i centri tampone. Ma occhio alle varianti

ATS Insubria conferma i dati confortanti relativi alla pandemia, con l'indice di contagio al di sotto dei limiti e protocolli di intervento efficaci. Preoccupa la "delta", ma la situazione è sotto controllo. L'attività di Fontanelle e Caserma passa agli ospedali

Andamento confortante, indice di contagio stabilmente al di sotto dell’uno e campagna vaccinale a pieno ritmo. Questo il presupposto incoraggiante di ATS Insubria, che ha aggiornato i media sugli ultimi dati relativi alla lotta al covid.

Preoccupano le varianti, specialmente la “delta”. Al momento, la situazione è sotto controllo ma è vietato abbassare la guardia o considerare il pericolo definitivamente scampato.

Funziona il sistema di monitoraggio tra bambini e ragazzi. L’ “incidente di percorso” avvenuto alcuni giorni fa in un centro estivo di Varese, dove un genitore è stato trovato positivo, costringendo alla quarantena 30 bambini, è stato immediatamente circoscritto grazie al costante controllo e alla pronta reazione degli educatori, complici i nuovi protocolli di intervento, già testati nell’ambito scolastico e utili a evitare pericolose diffusioni.

Tornando ai vaccini: oltre 800 mila le prime dosi già somministrate nelle province di Varese e Como, circa 350 mila i richiami.

Infine, aggiunge il direttore sanitario Giuseppe Catanoso, i centri tampone delle Fontanelle e alla Caserma Ugo Mara cesseranno l’attività per delegarla in toto alle ASST Sette Laghi e della Valle Olona. Più nel dettaglio, il centro di Malnate chiuderà domani (venerdì), quello di Solbiate Olona vivrà il suo ultimo giorno di tamponi mercoledì 30 Giugno.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.