Fondazione Comunitaria, continuità e nuove sfide

Ampollini resta presidente, con Cremona in qualità di vice. Nel cda nomi collaudati come Mascetti, Galli, Adamoli, Massironi e Redaelli, ma anche l'ex presidente di Univa Marino Vago, l'attuale numero uno degli architetto Brusa Pasqué e l'ex sindaco Pippo Gibilisco

La Varese che conta, che lavora nel campo dell’impresa e delle professioni, che è pronta a portare nuove relazioni, nuova linfa e nuove risorse a una realtà cardine del sistema territoriale come Fondazione Comunitaria del Varesotto.

Al timone resta Maurizio Ampollini, eletto all’unanimità. Al suo fianco, nel ruolo di vice, Emilio Cremona.

Del CDA fanno parte Roberto Adamol, Elena Brusa Pasqué, Elisa Fagnani, Luca Galli, Giorgio Gaspari, Giuseppe Gibilisco, Daniele Pietro Giudici, Andrea Mascetti, Carlo Massironi, Giorgio Papa, Giuseppe Redaelli, Elena Sartorio e Marino Vago.

Il Collegio dei Revisori è invece formato da Luigi Castagna, Marco Petrillo e Damiano Zazzeron. Membri supplenti, Alberto Mantegazza e Giorgio Tibiletti.

Fondazione Comunitaria, lo ricordiamo, è una istituzione filantropica che opera a Varese e provincia dal 2002, con l’obiettivo di promuovere il dono e  sostenere la realizzazione di progetti che mirano al bene comune, alla solidarietà e allo sviluppo umano, sociale, economico, civile e culturale del territorio collaborando con istituzioni, enti del terzo settore e cittadini.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.