Fondazione Piatti, tamponi a tappeto

Eseguiti 100 esami, grazie alla collaborazione del Campus Biomedico di Roma. 14 i positivi, messi in isolamento

Istituzioni in rete, in tempo di emergenza. Obiettivo: garantire il maggior numero possibile di tamponi a persone con disabilità. Accade a Varese, dove amministrazione comunale, Fondazione Renato Piatti onlus, Campus Biomedico di Roma, Regione Lazio e Protezione Civile uniscono risorse e idee per offrire il servizio nelle RSD di San Fermo (Varese) e di Sesto Calende.

Nei fatti, riscontrato un caso di Coronavirus in una struttura con 60 persone disabili, vengono subito eseguiti 100 tamponi. 18 ospiti della RSD di Varese risultano positivi, tutti gli altri delle due RSD negativi e non ci sono positivi tra i dipendenti. 14 delle persone positive accertate erano già stati messe in isolamento dalla struttura poiché presentavano alcuni sintomi, gli altri 4 (asintomatici), sono stati immediatamente isolati.

Un buon esempio di imprenditorialità sociale e di collaborazione tra pubblico e privato finalizzato al perseguimento del bene comune e a garanzia della salute pubblica” – dice il sindaco di Varese Davide Galimberti.  “Ringrazio tutti gli attori di questa iniziativa per la disponibilità e la collaborazione dimostrata in questa situazione di emergenza.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.