Fratelli Mignemi, ANC sulle note della speranza

Matteo e Giovanni, uccisi dalla stessa, atroce malattia, vengono ricordati da una serie di brani musicali, tratti dai testi scritti dal giovane e compianto iscritto dell'Associazione Carabinieri. Il ricavato contribuirà all'acquisto di un mezzo solidale, complice il supporto di Lions e UNCI

Giorno per giorno. Così ha lottato Matteo Mignemi, resistendo più possibile e arrendendosi a 23 anni a quella stessa, grave e dannatissima malattia che anni prima aveva portato via il fratello Giovanni.

Un dolore immenso, che la famiglia Mignemi, papà Antonio, mamma Giovanna e i due fratelli Luca e Marco ha tradotto in generosità, amore per l’altro, vicinanza all’Arma dei Carabinieri e all’Associazione dei militari in congedo, complice la sensibilità e il talento di Matteo, che amava la musica e la scrittura.

I testi,  scritti di suo pugno e ritrovati dai genitori, sono stati tradotti in cd da Francesco Sottili.

In futuro, grazie alla vendita di questi dischi, vedremo l’Associazione Nazionale Carabinieri muoversi su un mezzo nato dalla parola, dal ricordo, dall’attaccamento alla vita e tradotto in realtà dall’imprescindibile supporto di Unione Nazionale Cavalieri e Lions, club che, ricorda Danilo Guerini Rocco, Presidente dell’uno e il past governatore dell’altro, ha fatto del service la propria parola d’ordine.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.